Palazzo Fazzari ha riaperto il piano nobile e le sue sale alla fusione di differenti linguaggi artistici, diventando così portatore dei valori intrinseci del progetto di riattivazione culturale e sociale del centro storico.  Nei suoi 15 giorni di apertura, dal 19 dicembre al 2 gennaio, Palazzo Fazzari ha contato più di 3mila visitatori, lanciando così un segnale forte a tutta la cittadinanza: il centro storico di Catanzaro è ancora vivo e vuole ripartire dalle solide basi della cultura e dell’arte.

Cosa abbiamo realizzato:

Eterotopia – Linguaggi Ultra Contemporanei: seconda tappa della mostra collettiva nata all’Ex Dogana San Lorenzo di Roma, con artisti internazionali quali Borondo, Edoardo Tresoldi, Sbagliato, Canemorto e Jacopo Mandich.

Spazio ALT!rove: mostra collettiva con le opere di Alejandro Garcia, Angelo Jaroszuk Bogasz, Ehab H.A. Kher e il progetto fotografico myOne di Matteo Sainato e Katianna Tallarico.

Laboratorio creativo per bambini delle scuole medie “Luce alle ombre”, a cura di Alessandro Badolato

Performance di danza contemporanea, musica e teatro con Claudio Costantino, Janaina de Oliveira, Mauro Lamanna e Alessandro Nania

Concerto inaugurale con un trio di fiati.

Live set di musica elettronica sperimentale con Attilio Novellino, Cesare Aiello, Luca Gentile e Roberto Vagliolise

• Resistenze gastrofoniche viaggianti + Donna Camillo, gnocchi e dj set in piazza.

Cinema – Proiezione del documentario “Domani Vegnu”, prodotto da ALT!rove Festival e diretto da The Blind Eye Factory. Proiezione del documentario “Amo-te Lisboa: an ignonimous street art film”, diretto e prodotto da Canemorto & ISO3200

Talk – “Catanzaro: città fortezza” a cura dell’Ass. Cult. Mirabilia

L’evento di chiusura ha visto Eman, cantante catanzarese fresco di nuovo album con la Sony,  suonare e cantare gratuitamente davanti a migliaia di persone. Un regalo che l’artista ha voluto fare al team di ALT!rove per i valori portati avanti in questi due anni, ma soprattutto alla sua città, che dopo anni di torpore torna a proporre cultura e qualità artistica di livello internazionale.